120 mila studenti “corrono” per salvare il mondo dalla fame | Azione contro la Fame

120 mila studenti “corrono” per salvare il mondo dalla fame

Anche quest’anno oltre 400 scuole in tutta Italia hanno deciso di iscriversi alla Corsa contro la Fame, il progetto didattico e solidale più grande del mondo, patrocinato dal CONI.

Più di 6.200 ore di incontri sono state tenute dagli operatori di Azione contro la Fame con l’obiettivo di illustrare ai più giovani le cause strutturali e le conseguenze della fame, una piaga contemporanea che colpisce oltre 800 milioni di persone nel mondo. Ogni scuola ha potuto, inoltre, approfondire l’argomento grazie a un kit didattico con oltre 70 ore di attività trasversali di educazione civica fornito dall’organizzazione.

Dopo questa prima fase di formazione, i ragazzi si mobilitano e diventano nei giorni parte attiva del progetto.

Con il proprio impegno nella disciplina sportiva, i ragazzi potranno così sostenere la lotta alla fame e alla malnutrizione infantile nel mondo, un impegno che Azione contro fa Fame conduce da oltre 40 anni in 50 Paesi.

Sono oltre 800 milioni gli uomini, le donne e i bambini che soffrono la fame - ha dichiarato Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame. "Con questo progetto, grazie all’impegno di studenti e docenti, accendiamo i riflettori sulla crisi alimentare che colpisce le comunità più vulnerabili del mondo le quali, oltre alla attuale emergenza sanitaria, sono spesse già flagellate da guerre, povertà ed effetti dei cambiamenti climatici. Negli studenti e nei docenti troviamo i nostri principali ‘alleati’, a dimostrazione del fatto che la scuola, con il coinvolgimento di tutti i suoi attori, può trovare quelle sinergie utili per contribuire, davvero, alla creazione di un mondo migliore e, soprattutto, libero dalla fame”.

La prossima edizione della Corsa contro la Fame ha già aperto le iscrizioni e a settembre vedrà già molte scuole impegnate per un mondo libero dalla Fame.

Partecipa
con la tua scuola

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"