Perù: 800 km di strade bloccate

  • La scorsa settimana nella regione di Piura ci sono state le precipitazioni più intense degli ultimi anni.
  • Il numero di persone colpite nel Paese ha superato le 860.000 unità e 810 località sono state dichiarate in stato di emergenza, costringendo più persone all’evacuazione e al reinsediamento.
  • Azione contro la Fame è sul luogo per riabilitare i sistemifognari, rafforzare la distribuzione di acqua potabile e la fornitura di kit per l'igiene tra le popolazioni colpite.

PRIORITÀ: RIPARO e ACQUA PULITA

"In questo momento il compito più urgente è quello di trovare un riparo sicuro per la popolazione colpita. Inoltre, è necessario iniziare il prima possibile la pulizia e la fumigazione delle zone alluvionate per prevenire e fermare la diffusione di malattie legate all’acqua, come la dengue e il colera," dice Jesús Baena, Coordinatore Emergenze WASH (acqua e igiene) di Azione contro la Fame in Perù. "In molte delle aree periurbane colpite mancavano acqua potabile e fognature. La gente ha bisogno di avere accesso all'acqua potabile in quantità sufficiente ".

Con la distruzione e il blocco delle strade, molte zone colpite sono ancora tagliate fuori. "Più di 800 chilometri di strade rurali e 150 ponti sono diventati inutilizzabili, ostacolando l'accesso a una parte della popolazione interessata, che ha ancora bisogno di aiuto."

IL RIPRISTINO DEL SERVIZIO IDRICO IN CATACAOS

In assenza di risorse idriche sicure, Azione contro la fame sta fornendo soluzioni immediate, costituite dall’impianto di trattamento di acqua supplementare e generatori che ripristinano il servizio nelle stazioni idriche esistenti . "A Simbila, un quartiere di Catacaos, una stazione idrica che serve circa 8000 persone non funziona per mancanza di energia elettrica. Con l'installazione di un generatore non solo riusciremo a farla funzionare di nuovo, ma miglioreremo anche il servizio dei camnion cisterna, che ridurranno i loro tempi di trasferimento e distribuzione," dice Jesús Baena, esperto WASH (servizi di acqua e igiene) di Azione contro la Fame in Perù.

Allo lo stesso tempo, abbiamo identificato la necessità di organizzare punti di distribuzione d’acqua lungo le zone colpite a Catacaos, dove la popolazione di rifornisce direttamente attraverso i camion cisterna. È stato installato un serbatoio con ghiaia per facilitare il drenaggio e formata una persona sul controllo della clorurazione e le fasi di riempimento dell’ acqua per mantenere l'igiene. " Questo approccio tecnico può essere facilmente replicato dalle autorità e avrà un impatto immediato su coloro che sono stati colpiti dalle inondazioni, perché fornisce un accesso all'acqua più facile e più sicuro, garantendo un miglior controllo sull’igiene," dice Chiara Saccardi, Coordinatrice del team di emergenza di Azione contro la Fame.

IN COORDINAMENTO CON LE AUTORITÀ LOCALI

"È il governo peruviano che guida la risposta attraverso il Centro per le operazioni di emergenza, ma in regioni come Piura le nostre squadre si coordinano con le autorità locali per individuare le aree di intervento", ha detto Benedetta Lettera, Responsabile Geografica di Azione contro la Fame per l'America Latina. "Stiamo valutando le necessità nelle zone di Piura, Lambayeque e La Libertad, così come nell’area metropolitana di Lima. Fino ad oggi, non è ancora stata fatta una richiesta di assistenza internazionale.

Per il momento si registrano 78 morti, 263 feriti e 20 dispersi. A causa delle frane sono stati registrati più di 1 milione di danni. 24 regioni del Paese sono colpite da piogge torrenziali che hanno generato inondazioni, frane e colate di fango e pietre. 12 sono state dichiarati in stato di emergenza e 7 in stato di emergenza sanitaria.

 

Azione contro la Fame è presente in Perù da agosto 2007, a seguito del terremoto che ha colpito la provincia di Pisco.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"