TESTIMONIANZE: IL NOSTRO INTERVENTO IN NEPAL | Azione contro la Fame
Foto: REUTERS, Navesh Chitrakar

TESTIMONIANZE: IL NOSTRO INTERVENTO IN NEPAL

"Quattro giorni dopo il potente sisma che ha scosso il Nepal, l'aiuto umanitario d'urgenza è in viaggio per l'aeroporto di Kathmandu, la capitale del paese. Questo piccolo aeroporto è al momento fortemente congestionato e non permette ancora l'atterraggio di molti aerei commerciali e cargo. Alcuni dei nostri operatori umanitari sono giunti per portare sostegno al personale già presente in Nepal. Altri, come me, sono ancora in transito ad Abu Dhabi, in attesa di ottenere l'autorizzazione per partire per il Nepal.

 

Malgrado le difficoltà logistiche incontrate, questo pomeriggio (29 Aprile) è stato possibile inviare circa 10 tonnellate di materiale umanitario verso l'aeroporto di Kathmandu. Ora la priorità è quella di scaricare tutto rapidamente in modo da poter attivare le operazioni di urgenza per la popolazione nepalese.

 

Già prima del terremoto, la rete idrica non permetteva alla popolazione che vive nella capitale un approvvigionamento regolare di acqua. La situazione ora si sta deteriorando in seguito ai forti temporali di questi ultimi giorni. I grandi bisogni di acqua e strumenti igienico-sanitari devono essere colmati velocemente per monitorare efficacemente i rischi derivanti da epidemie e malattie che nascono nell'acqua, sia nelle zone urbane che in quelle rurali. Per fare fronte a questi bisogni abbiamo inviato una stazione di potabilizzazione e dei kit per il trattamento dell'acqua con l'obiettivo di coprire il fabbisogno di 8000 persone.

 

Per le persone che hanno ancora accesso all'acqua nelle città, è di primaria importanza poterla trattare per evitare la propagazione di malattie come la gastroenterite e la diarrea. La stazione di potabilizzazione di cui disponiamo può garantire acqua potabile a 2000 persone al giorno. I kit per il trattamento dell'acqua permetteranno ogni giorno di avere accesso all'acqua potabile a circa 2000 persone che vivono nelle zone rurali. Le nostre squadre realizzeranno inoltre nei prossimi giorni delle sessioni di sensibilizzazione per la promozione dell'igiene, forniranno delle tende per i bambini e disporranno degli spazi dove i piccoli sfortunati potranno giocare affinché possano allontanare lo stress provocato dalla catastrofe.

 

Le nostre squadre si stanno sforzando particolarmente per essere al più presto vicine alla popolazione nei distretti di Nuwakot e Sindhupalchok, due zone fortemente colpite dal terremoto."

 

Agnès Verraine-Leca


 

Al momento ci è giunta notizia che Agnès Verraine-Leca è giunta in Nepal, pronta per portare soccorso a quante più persone possibile.

 
EMERGENZA TERREMOTO IN NEPAL
Ogni momento è prezioso!
Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"