news | Blog Categories | Azione contro la Fame

news

Sospese le nostre attivitĂ  a Drodo, nella Repubblica Democratica del Congo

Oggi, dopo la reinsorgenza di violenza nel territorio del Djugu in Ituri, Azione contro la Fame sospende le attività nell’area. L’organizzazione si appella alle autorità e alle parti in conflitto affinché rispettino la sicurezza degli interventi umanitari e dell’accesso agli aiuti per non lasciare migliaia di persone senza un supporto vitale.

Il miglior risultato della COP26?

"Sono profondamente dispiaciuto."

Alok Sharma - Presidente della COP26

Queste parole, pronunciate dal presidente di Cop26 Alok Sharma, sono la drammatica chiusura della COP26, il vertice sul clima dell’ONU. Il suo viso era stravolto dalla delusione, la sua voce spezzata da un nodo in gola.

COP26, 27 dei 35 paesi colpiti dalla crisi climatica soffrono la fame

I dati del rapporto di Azione contro la Fame, il manifesto-appello alla comunità internazionale, un filmato per sensibilizzare l’opinione pubblica: l’eco dei disastri naturali premessa dell’insicurezza alimentare

 

L’appello della società civile a Draghi, la mobilitazione di vip e studenti per “Mai Più Fame”

In vista dell’imminente summit conclusivo del G20, che si terrà in Italia il 30 e il 31 ottobre in Italia, Azione contro la Fame chiede al Governo di impegnarsi affinché la lotta alla fame, insieme con un’agenda di interventi e di impegni concreti, diventi uno dei “pilastri” della dichiarazione finale.

Tempeste tropicali: cosa sono, cause e conseguenze sul clima e sulla fame nel mondo

Le tempeste tropicali (o cicloni) sono tra i disastri naturali piĂą devastanti fin dalle prime fasi del loro sviluppo, spesso causando vittime tra la popolazione e danni economici ingenti.

Esse includono diversi pericoli collaterali che possono avere impatti significativi sulle persone e sulle proprietĂ , come onde anomale, alluvioni, venti estremi e tornado.

Combinati, questi eventi atmosferici interagiscono tra loro aumentando esponenzialmente la probabilitĂ  di perdita di vite e di ingenti danni materiali.

G20: L'appello degli studenti italiani al Premier Draghi "Mai PiĂą Fame"

Un appello al presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, in vista del prossimo appuntamento del G20, in programma il 30 e il 31 ottobre a Roma. Può essere inquadrato in questi termini il filmato realizzato dagli studenti italiani per chiedere al premier di promuovere, nell’ambito dell’imminente summit finale del Forum, l’adozione da parte della comunità internazionale di misure decisive per contrastare l’insicurezza alimentare.

Come limitare l’uso della fame come arma di guerra

Storicamente tutte le guerre hanno portato fame e l’hanno usata come arma. Il mondo sta cercando di dotarsi di regole per porre dei limiti a questa situazione.

C’è un rapporto tra discriminazioni sulle donne e la fame nel mondo

Cosa significa essere donna nel 2021?

Significa moltissime cose tra le quali avere l'onere di responsabilità non retribuite come i lavori domestici e la cucina, guadagnare meno rispetto agli uomini,  e anche, purtroppo, subire violenze.
In questo articolo, affrontiamo nel dettaglio come le discriminazioni di genere in diversi ambiti portano spesso le donne ad essere maggiormente esposte alla fame rispetto agli uomini.

Fame in Italia: a Milano il primo intervento per contrastare l'insicurezza alimentare

“L’Italia chiamò, sì!”. Il celebre verso dell’Inno di Mameli sembra fare da cornice alla scelta di Azione contro la Fame di avviare, per la prima volta, in Italia un intervento umanitario promosso nell’ottica di contrastare l’insicurezza alimentare dilagante.

La fame come emergenza contemporanea: le opere del premio "Azione contro la Fame"

Il libro di Esther Duflò (Nobel per l’economia nel 2019) “Lottare contro la povertà”, edito in Italia da Laterza, per la categoria “editoria”.

Pagine

Abbonamento a RSS - news
"