Siria

8 ANNI DI GUERRA IN SIRIA: 11,7 MILIONI DI PERSONE IN EMERGENZA UMANITARIA

  • Azione contro la Fame fa appello a tutti i governi riuniti alla Conferenza dei donatori che inizia oggi a Bruxelles per una maggiore generositĂ  (nel 2018 è stato coperto solo il 62% dei finanziamenti necessari) e che gli aiuti di emergenza vadano anche a supporto dell’implementazione di strumenti di resilienza.

  • Sono ormai otto gli anni di guerra e i dati sulla nutrizione sono allarmanti: 6,5 milioni di siriani vivono nell'insicurezza alimentare e il 40% della popolazione spende due terzi del proprio reddito per il cibo.

TEMPESTE IN LIBANO: EMERGENZA SANITARIA NEI CAMPI PROFUGHI

Da inizio gennaio le tempeste di pioggia, vento e neve nella valle della Bekaa hanno provocato inondazioni negli insediamenti dei rifugiati siriani, dove le acque grigie e reflue si sono mescolate con l'acqua potabile, costituendo un enorme pericolo per la salute pubblica

CORSA CONTRO IL TEMPO PER PROTEGGERE I RIFUGIATI SIRIANI IN LIBANO

Le tempeste di neve Norma e Miriam hanno causato ingenti danni durante l’ultima settimana: tende sprofondate, strade bloccate – tutto è precipitato sotto il peso della neve. Forti venti e abbondanti piogge e nevicate hanno tormentato la Valle della Bekaa, dove lavora Azione contro la Fame. Più di 350.000 siriani vivono in campi di fortuna nella zona, senza contare i non registrati.

Dai rifiuti, il riscatto: la storia di Sameera

Il conflitto in Siria ha costretto 5,6 milioni di persone a fuggire come rifugiati, mentre altri 6,6 milioni sono stati sfollati con la forza all'interno del Paese.

Sameera aveva una vita comoda in Siria, con suo marito e i loro due figli. Allo scoppio della guerra, sono fuggiti in Giordania con nient'altro che i vestiti che indossavano. Si considera fortunata, Sameera, dicendo: "Siamo sfuggiti alla morte".

Aumenta il numero dei rifugiati, aumentano i numeri della fame nel mondo

Non è un caso che, nello stesso momento in cui la fame tornava a crescere per la prima volta negli ultimi decenni, il numero di rifugiati e sfollati nel mondo è salito a 66 milioni di persone. Una delle forme di fame che le guerre portano è infatti legata ai massicci spostamenti di persone in fuga dalla violenza. Insieme alla loro casa, abbandonano il loro mezzi di sostentamento, diventando completamente dipendenti dalla solidarietà delle popolazioni ospitanti o, se riescono a raggiungere un campo profughi e ottenere lo status di rifugiati, dagli aiuti internazionali.

Come aiutare il futuro della Siria

Prima dell'incontro che si svolgerĂ  da domani a Bruxelles per mobilitare risorse e sostenere il processo di negoziazione per una soluzione politica al conflitto, Azione contro la Fame chiede ai partecipanti di non perdere di vista le necessitĂ  umanitarie della popolazione, non solo in termini economici.

Assistenza alimentare per i rifugiati siriani

Nel villaggio di Hawsh Barada, nella valle della Beqaa in Libano, si trova un insediamento di rifugiati composto da tende distribuite su un grande terreno agricolo. I rifugiati si sono stabiliti lì dopo essere fuggiti dalle loro case in Siria, per scappare dalla guerra scoppiata nel 2011. Tra quei profughi, c'è Khaldiyeh, una madre di tre bambini incinta del suo quarto figlio.

5 punti per inquadrare la situazione umanitaria in Siria

  • Il 2017 è stato un anno record di sfollamento: 2,8 milioni di persone (7.665 ogni giorno) hanno lasciato la loro casa in fuga dalle violenze. Ma, intrappolate dall’inasprimento della situazione nei Paesi limitrofi, molte famiglie non sono riuscite a lasciare la Siria e sono fuggite per la seconda, terza o quarta volta in pochi anni. In questo momento ci sono 1 milione di siriani sfollati all’interno del Paese;

I giocattoli preferiti dei bambini siriani in esilio

Molti bambini sono nati come rifugiati o hanno lasciato la Siria quando erano molto piccoli.
Qui alcuni di loro ci mostrano alcuni dei loro giocattoli preferiti mentre aspettano il tempo del ritorno nel campo di Azraq, in Giordania

Ayman di Daraa, Siria

Dangerous Ground - Migliaia di rifugiati costretti a fare ritorno in Siria

Centinaia di migliaia di rifugiati rischiano di essere costretti a tornare in Siria nel 2018, nonostante le continue violenze e i bombardamenti che mettono a repentaglio la vita dei civili, avvisano le agenzie umanitarie nel rapporto Dangerous Ground pubblicato oggi.

Pagine

Abbonamento a RSS - Siria
"