Siria

La Siria non ha solo bisogno di denaro

 
  • Riconosciamo lo sforzo della comunità internazionale, ma ricordiamo che sono stati impiegati solo 6 000 degli 8 030 milioni di dollari essenziali per la risposta regionale alle necessità urgenti

Crisi siriana: testimonianze da un campo profughi

 

MOUSA IBRAHIM AL SHAIDOUN, 50, DI IDLIB (SIRIA) 

"Quando è cominciata la guerra? Quando un aereo militare è volato sopra la nostra casa e i bambini si sono fatti la pipì addosso. Giorni dopo l’esercito ha circondato la nostra città e ci ha avvertiti: Un passo falso e ditruggeremo ogni cosa. Così ci siamo nascosti nel seminterrato e di sera restavamo in silenzio, al buio, senza nemmeno la luce di una lampadina.

Siria: sei anni dopo

 

Azione contro la Fame pronta ad aiutare ad Aleppo

“Ci sono 50.000 civili sotto assedio a Aleppo, che adesso stanno cominciando finalmente a essere evacuati. Più di 900.000 persone, tra cui 374.000 bambini, sono in questo momento sotto assedio dalle parti in conflitto ed è urgente che l'accesso alle organizzazioni umanitarie sia garantito e che siano mobilitati i fondi necessari per soddisfare le loro necessità di base come acqua, cibo e riparo” spiega il direttore delle Operazioni di Azione contro la Fame, Vincent Stehli.

Supporto psicologico per le famiglie a Mosul

Oltre al monitoraggio dell’alimentazione dei bambini e ad assicurare le riserve d’acqua per tutti, Azione contro la Fame nei campi di Khazir e Zelikan fornisce supporto psicologico per le famiglie più vulnerabili.

“Le persone che fuggono da Mosul e dai territori circostanti arrivano nei campi in uno stato di profonda sofferenza, visto ciò che hanno subito negli ultimi due anni e la fuga a cui sono stati costretti dai combattimenti” ci spiega Malourène Cordier, Coordinatore di Emergenza in Iraq.

"Mi hanno attaccato per un pezzo di pane"

Khaled e Khaldia sono nati in un piccolo villaggio vicino alla città di Hama in Siria. Nove mesi fa, dopo più di quattro anni di conflitto, hanno deciso di fuggire: hanno venduto le loro proprietà e hanno lasciato il Paese per dirigersi in Giordania. Il loro viaggio li ha portati a Rukban, un campo di richiedenti asilo al confine con la Siria. Dopo sei mesi trascorsi in una zona desertica, hanno avuto il permesso di entrare nel Paese e ora vivono nel campo di Azraq, che ospita più di 35.000 persone.

Le paure di una mamma in attesa

“Ho paura… di tutto” dice Khounav, 29 anni, mamma e rifugiata siriana. “Ho sempre incubi. È come se fossi incinta per la prima volta. So che può suonare strano, ma qui mi sento persa, come se avessi dimenticato tutto. Ho un bisogno disperato di consigli”.

EMERGENZA RIFUGIATI SIRIANI

 

La crisi siriana, vicina al suo quinto anniversario, è un’emergenza che si aggrava sempre più: oltre 12 milioni le persone colpite all'interno del paese e più di quattro milioni i siriani che sono stati costretti a rifugiarsi nei paesi vicini; migliaia le famiglie che cominciano ad arrivare anche alle porte dell’Europa.

Il numero complessivo di persone che fuggono dalla Siria è maggiore del numero di profughi della Seconda Guerra Mondiale.

Siria

Sebbene i colloqui a Ginevra e Astana sembrassero annunciare la fine di sette anni di guerra in Siria, il 2017 ha battuto il record di spostamenti di popolazione all'interno del paese, con 7.665 persone in fuga dalle violenze ogni singolo giorno. 

Pagine

Abbonamento a RSS - Siria
"