Allarme per le scuole palestinesi attaccate prima del nuovo anno scolastico

Nelle ultime due settimane di agosto, tre strutture educative sono state prese di mira dalle autorità israeliane. Il giorno prima dell'inizio del nuovo anno scolastico, l'Amministrazione Civile Israeliana (ICA) 1è entrata nella comunità di Jubbet adh-Dhib e ha smantellato la scuola elementare nelle fasi finali di costruzione. Nelle prime ore di lunedì 21 agosto, l'ICA è entrata nella comunità beduina di Jabal al-Baba, accompagnata da soldati, per demolire l'asilo recentemente costruito. Una settimana prima, la comunità di Abu Nuwar era stata nuovamente presa di mira e i pannelli solari e le betterie che servivano per il funzionamento della scuola elementare sono state rimosse, rendendo impossibile lo svolgimento delle lezioni per i giovani studenti.

Oggi, ci sono pi√Ļ di 55 scuole in Cisgiordania in attesa¬†di demolizione o di un ordine di arresto dei lavori rilasciato dalle autorit√† israeliane.¬†2

Nella West Bank, i bambini affrontano innumerevoli minacce nel tentativo di raggiungere la scuola e poter usufruire del diritto fondamentale all'istruzione. Queste minacce includono: violenze e molestie da parte dei coloni e dei soldati israeliani nel viaggio verso la scuola, attività militari nelle scuole o nelle zone circostanti, minacce demolizione delle scuole e ordini "Stop Work".

Nel 2016, ci sono state 256 violazioni legate all'istruzione,¬†che hanno interessato 29.230 studenti.¬†Tra gennaio e marzo 2017 ci sono stati 24 casi di¬†attacchi diretti contro le scuole¬†3, che¬†includono incidenti con lancio di bombole a gas, lacrimogeni e bombe sonore dirette agli studenti durante il loro viaggio verso scuola.¬†Pi√Ļ di 20.000 alunni¬†hanno perso tempo di apprendimento cruciale¬†a causa di ostacoli quali ritardi ai posti di blocco: nel campo profughi di Shufaat, a Gerusalemme Est, fino a¬†15.000 bambini¬†sono costretti ad attraversare un checkpoint ogni giorno solo per raggiungere la scuola.

Il diritto universale all'istruzione √® sancito dalla¬†Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo,¬†e¬†ribadito dal¬†Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, la Convenzione sui diritti del fanciullo¬†e la¬†Convenzione UNESCO contro la discriminazione nell'istruzione. In Palestina, questo diritto √® sempre pi√Ļ eroso dai rischi per la protezione dei minori - bambini che affrontano frequenti minacce di violenza, umiliazione, arresto e detenzione e mancanza di spazi sicuri per l'apprendimento.

Invitiamo tutti i responsabili per la protezione e la sicurezza a tutelare il diritto inalienabile dei bambini all'istruzione e affrontare i crescenti rischi che i bambini incontrano nell'accesso all'istruzione nei territori palestinesi occupati.

Invitiamo i partiti statali, gli attori non statali, le comunità locali e internazionali a:

  • Cessare le violazioni del diritto all'istruzione in tutte le sue forme
  • Prendere tutte le misure necessarie per evitare il danno o la distruzione delle infrastrutture didattiche e revocare le migliaia di ordini in corso di demolizione a Gerusalemme Est e nell'area C della Cisgiordania.
  • Interrompere le violenze o l'incitamento alla violenza nelle scuole e nelle zone limitrofe e a rispettare tutte le scuole e i luoghi di apprendimento come spazi sicuri inviolabili per i bambini e il personale scolastico.
  • Assicurarsi che i coloni armati o non armati o le guardie di insediamento non siano presenti nelle scuole o nelle aree circostanti e garantire che gli attacchi perpetuati contro le scuole siano correttamente indagati e perseguiti.
  • Compiere ogni sforzo possibile per consentire il passaggio sicuro e senza ostacoli degli studenti e del personale scolastico attraverso i punti di controllo nel loro viaggio da e verso la scuola.

 

 

1 L'Amministrazione Civile è un corpo civile-militare che ha il compito di attuare la politica civile israeliana nel territorio. Funziona come un'operazione civile, ma siede sotto il comando dell'autorità militare.

2 controlli di zonizzazione e pianificazione israeliane politiche qualsiasi costruzione in zona C; Nel 2015 sono state approvate solo le richieste del 1.81%. * Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha precedentemente osservato che la politica israeliana di zonizzazione e pianificazione nella Cisgiordania, che disciplina la costruzione di alloggi e strutture nella zona C, è restrittiva, discriminatoria e incompatibile con i requisiti di legge internazionale.*

* Fonte: Comitato di pianificazione centrale di Judea e Samaria, recuperato da http://iplan.gov.il/Mechozi/yosh/Pages/yosh.aspx (disponibile solo in ebraico)

* Segretario generale dell'ONU. 20.01.16. A / HRC / 31 /. 43 Insediamenti israeliani nei palestinesi occupati

Territorio, compreso Gerusalemme Est, e nel Golan siriano occupato. Parà. 45

3 Gli attacchi contro le scuole sono definiti dal gruppo di lavoro sulle gravi violazioni sui bambini coinvolti nei conflitti armati (CAAC).

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"