Disuguaglianze e fame, donne e bambine sono più a rischio di malnutrizioneDisuguaglianze e fame, donne e bambine sono più a rischio di malnutrizione

Disuguaglianze

Donne e bambine sono più a rischio di malnutrizione

Disuguaglianze e fame

Cosa si intende quando si parla di disuguaglianze e fame? La fame colpisce tutti in modo differente. Nel mondo però, donne e bambine sono più a rischio di malnutrizione. Le disuguaglianze sono tra le principali cause strutturali della fame.

Facciamo chiarezza sull’importanza dell’uguaglianza, della parità di genere e sulle condizioni e sul ruolo delle donne contro la fame nel mondo.

Nei paesi colpiti da guerre, carestie e fame, donne e bambine sono le ultime a mangiare

Le bambine possono essere attirate o spinte a sposarsi in giovane età, mentre i bambini, che vengono separati dalle loro famiglie durante le migrazioni economiche, finiscono per soffrire di malnutrizione se non riescono a prendersi cura di sé stessi.

Gli uomini che hanno perso le mogli spesso non hanno le competenze culinarie e di cura dei figli necessarie per prendersi cura delle famiglie.

Nel sud del Madagascar, bambine e donne perdono la maggior parte del loro potere decisionale al momento del pagamento della dote. D’altra parte, i bambini maschi che mangiano meglio di donne e bambine, vengono lavati con meno frequenza e dunque sono più vulnerabile ad infezioni e malattie.

Disuguaglianze di genere - donne e fame

Donne e fame: qual è la correlazione?

Chiunque, di qualsiasi sesso o età, ha bisogno di differenti tipi di cibo nella propria dieta per mantenersi sano ed in forze.

Le donne spesso sono le più esposte alla malnutrizione. In genere hanno corpi più piccoli e meno muscolosi degli uomini e necessitano di circa il 25% di energia in meno al giorno.

Tuttavia, hanno bisogno della stessa quantità di nutrienti e ciò significa che hanno bisogno di mangiare cibi più nutritivi rispetto agli uomini. Questo però è impossibile in quanto i cibi più ricchi di nutrienti – come frutta, verdura e proteine – sono quelli più costosi.

Le donne hanno bisogno di consumare cibi ancora più nutritivi quando sono incinte o durante l’allattamento per poter mantenere i loro livelli di energia e nutrimento. L’inaccessibilità ad una dieta sana pone le donne incinte a maggior rischio di complicanze durante la gravidanza e il parto.

Molte morti di neonati e bambini piccoli nei paesi in via di sviluppo sono il risultato della scarsa salute alimentare delle loro madri. Anche le ragazze madri e i loro bambini possono essere particolarmente a rischio di malnutrizione.

donne e malnutrizione: stress genitoriale

Ogni giorno la vita lavorativa di una donna può essere fisicamente e mentalmente impegnativa e rendere così molto complesse le cause della malnutrizione. Questo alimenta le discussioni tra gli esperti e all’interno delle comunità stesse.

Link NCA è un progetto di ricerca collaborativo che identifica le cause della denutrizione  e della malnutrizione. Gli studi di Link NCA raccolgono le storie e forniscono un quadro interessante delle esperienze delle donne in tutto il mondo. I racconti mostrano come le pressioni sulle donne influiscono negativamente sulla loro possibilità di prendersi cura dei figli e ciò, di conseguenza, ha un impatto sulla salute dei bambini.

Ad Haiti, lo stress genitoriale è stato identificato come una delle principali cause di denutrizione. Le donne che sono a capo della famiglia o quelle che sono rimaste incinte senza averlo programmato sembrano essere coloro che sperimentano maggiori livelli di stress.

“Vorremmo spendere più tempo con i nostri figli ma non possiamo stare a casa tutto il giorno. Siamo obbligate a lasciare la casa e cercare opportunità di lavoro casuali, soprattutto quando i nostri mariti ci accusano di spendere tutti i loro soldi.”

Partecipanti di un focus group a Camp Bernard, Haiti. Tweet

Nel Bangladesh, l’arresto nella crescita è stato ricollegato al pesante carico di lavoro a cui sono sottoposte le donne che vivono negli insediamenti dei rifugiati Rohingya, mentre è emerso che i bassi livelli di capacità decisionale rappresentano un fattore importante di denutrizione tra i bambini dell’Uganda.

Come aiutiamo donne e bambine che soffrono la fame nel mondo

  • Afghanistan: abbiamo fornito supporto psicologico a più di 30.000 donne e bambine.
  • Bangladesh: abbiamo fornito a donne e bambine Rohingya che vivevano nel campo profughi di Cox’s Bazar servizi di protezione contro le violenze di genere.
  • Mali: stiamo aiutando a rafforzare il sistema sanitario locale affinché possa contrastare in modo più efficace la condizione di malnutrizione di donne incinte e in fase di allattamento.
  • Cambogia: ci siamo focalizzati nel migliorare l’igiene e l’alimentazione di donne incinte e madri in allattamento, organizzando anche classi di alimentazione di genere per partecipanti sia maschi che femmine.
Il nostro intervento

Orti giardino

Nello stato di Yobe, nel nord-est della Nigeria, è stato promosso un progetto che mira ad aiutare le donne in attesa, che allattano o che hanno bambini con età inferiore ai cinque anni a realizzare dei veri e propri “orti giardino”.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sostenere le madri che non dispongono di cibo nutriente, private delle vitamine e dei minerali necessari, a scongiurare danni alla propria salute e a quella dei nascituri.

Orti giardino in Nigeria - Agroecologia supporto per le madri
Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

RIMANI INFORMATO​

Ricevi le storie, gli approfondimenti e le notizie sui progetti dal campo e le iniziative contro la fame.

"*" indica i campi obbligatori

Nome completo*
Hidden
Informazioni da fornire, ex art. 13, GDPR
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
L’91% delle donazioni
vanno ai programmi
sul campo