Water of Africa oltre 300 milioni di persone bevono acqua sporca e contaminata. Dona acqua pulitaWater of Africa oltre 300 milioni di persone bevono acqua sporca e contaminata. Dona acqua pulita

Water of Africa

319 milioni di persone in Africa bevono acqua sporca e contaminata

Water of Africa

Fornire acqua potabile significa salvare la vita di chi muore a causa di malattie legate all’acqua contaminata o di altri problemi igienico-sanitari.

La candid camera

Water of Africa è stata messa provocatoriamente in vendita negli store di Flying Tiger, partner dell’iniziativa, e nei supermercati.

Guarda le reazioni degli ignari clienti che si sono ritrovati davanti l’acqua che mai avrebbero bevuto!

water of africa testimonial

Gli appelli dei testimonial

32 testimonial dello spettacolo e dello sport sono al nostro fianco. Ognuno di loro ha realizzato un video-contributo personale per ribadire che è inaccettabile che milioni di persone siano costrette a bere acqua sporca e contaminata.

Acqua pulita: un lusso per pochi

L’acqua potabile è un lusso in aree del mondo colpite da siccità e carestie: oltre 2 miliardi di persone nel mondo non hanno accesso diretto all’acqua pulita.

Nei Paesi più poveri le famiglie non hanno accesso ad acqua pulita né in casa, né possono usare pozzi nelle vicinanze. Dissetandosi da fonti d’acqua non trattata, finiscono per indebolire i loro corpi già provati da fame e malattie.

I cambiamenti climatici sono una delle cause principali della difficoltà nell’accesso all’acqua: lunghi periodi di siccità sono sempre più frequenti e le inondazioni distruggono o contaminano le fonti di acqua pulita.

Acqua sporca: un killer micidiale

Nel 2010 l’acqua veniva riconosciuta come diritto dell’uomo. Eppure, ancora oggi, centinaia di milioni di persone sono costrette ogni giorno a bere acqua sporca e contaminata da batteri, parassiti e virus.

Malnutrizione e acqua contaminata

Malnutrizione

L’acqua contaminata è una delle principali cause della malnutrizione infantile, che ogni anno uccide 2 milioni di bambini.

Polmonite, malaria, diarrea

Il 27% delle malattie nei bambini di età inferiore a 5 anni (polmonite, malaria, diarrea) continua ad essere causato dallo scarso accesso a fonti idriche sicure.

Aiutaci a fornire acqua pulita

Nell’ultimo anno abbiamo fornito circa 2 milioni di metri cubi d’acqua a quasi 6 milioni di persone, migliorando oltre 13mila fonti idriche.

Comunità vulnerabili

Sviluppo sostenibile

Emergenze umanitarie

Tutti i nostri progetti hanno l’obiettivo di garantire l’accesso all’acqua pulita, sicura e conveniente a comunità rese vulnerabili a causa di guerre, tensioni politiche e sociali, calamità naturali.

Attraverso l’accesso all’acqua pulita, rendiamo le comunità più sane e resilienti. Le condizioni di approvvigionamento idrico hanno un impatto sulla salute e sullo sviluppo complessivo di una comunità. 

Da questa risorsa dipendono le colture agricole, l’allevamento, l’industria e il commercio.

Durante le emergenze, distribuiamo acqua tramite autocisterne e l’installazione di serbatoi.

Quando l’acqua è insufficiente o pericolosa creiamo o decontaminiamo pozzi, proteggiamo sorgenti naturali e riabilitiamo infrastrutture danneggiate.

Partner della campagna

Regione Lombardia

Flying Tiger Copenaghen ha messo provocatoriamente a disposizione dei propri clienti Water of Africa, posizionando un distributore di acqua gratuita in uno dei suoi store italiani.

Gli ignari clienti si sono così ritrovati tra le mani “l’acqua che mai avrebbero bevuto”. Le loro reazioni sono state riprese nel video di lancio della campagna.

Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

RIMANI INFORMATO​

Ricevi le storie, gli approfondimenti e le notizie sui progetti dal campo e le iniziative contro la fame.

"*" indica i campi obbligatori

Nome completo*
Hidden
Informazioni da fornire, ex art. 13, GDPR
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
L’91% delle donazioni
vanno ai programmi
sul campo