Mamme somale in attesa presso una clinica per la malnutrizione infantileMamme somale in attesa presso una clinica per la malnutrizione infantile

Somalia, nuovo rapporto IPC: 1,8 milioni di bambini affetti da malnutrizione acuta, si prevede un peggioramento entro la fine dell’anno.

16 Settembre 2022

Più del 50% dei bambini somali ha bisogno di cure urgenti per la malnutrizione. Azione contro la fame: necessaria una risposta su larga scala, per evitare imminente catastrofe umanitaria!

Mogadiscio, SomaliaCirca 1,8 milioni di bambini in Somalia, ovvero il 54,5% dei bambini del Paese, soffrono di malnutrizione acuta e hanno urgente bisogno di cure, secondo un rapporto pubblicato dall’ Integrated Food Security Classification (IPC), un gruppo di esperti indipendenti, tra cui Azione contro la Fame, organizzazione internazionale leader nella lotta alla fame.

Oggi, si stima che 4,3 milioni di persone, ovvero più di un somalo su quattro, stiano già affrontando livelli di insicurezza alimentare “di crisi” o peggiori (IPC fase 3 o superiore), il che significa che il loro apporto calorico non è sufficiente a garantirne i mezzi di sussistenza, e la vita. I livelli di mortalità hanno già superato le soglie di emergenza (IPC Fase 4) in diverse aree, tra cui i distretti di Baidoa e Burhakaba e nelle comunità particolarmente vulnerabili del Medio e Basso Shabelle. Si prevede una dichiarazione ufficiale di carestia nella regione di Bay, in Somalia, già a ottobre.

Dopo aver tenuto conto dell’assistenza alimentare attualmente prevista dalla comunità globale, Azione contro la Fame avverte che è necessario un ulteriore intervento urgente o si prevede che quasi 6,7 milioni di persone in Somalia – il 41% della popolazione totale – dovranno affrontare livelli di fame da crisi entro la fine dell’anno. Di queste, si prevede che 2,2 milioni dovranno affrontare un’emergenza fame (IPC fase 4) e almeno 300.560 persone potrebbero andare incontro alla carestia (IPC fase 5, catastrofe). Durante l’ultima carestia in Somalia, nel 2011, le vittime furono 260.000, la metà delle quali di età inferiore ai 5 anni.

“Ci sono così tante persone che stanno lottando per sopravvivere a una crisi di fame e la nostra finestra per prevenire la carestia si sta chiudendo – ha dichiarato Ahmed Khalif, direttore di Azione contro la Fame in Somalia – più della metà dei bambini somali è malnutrita. Senza aiuto, 513.550 bambini potrebbero morire per gli effetti letali della fame. Non possiamo perdere questa generazione: sono la speranza per il futuro di questo Paese”.

La fame sta aumentando rapidamente in gran parte della Somalia a causa della crisi climatica e dei prezzi eccezionalmente alti dei generi alimentari, dovuti in parte alla guerra in corso in Ucraina e ai conflitti locali. Le epidemie, tra cui la diarrea acquosa acuta, il colera e il morbillo, sono aggravate dall’impatto della siccità e dei conflitti interni, sulle infrastrutture idriche, igieniche e sanitarie inadeguate.

La Somalia è anche testimone di un numero crescente di rifugiati climatici, con oltre 3,8 milioni di persone sfollate. Secondo i dati del Somalia Drought Displacement Monitoring Dashboard, più di un milione di persone sono state sfollate tra gennaio 2021 e luglio 2022. Solo a luglio, 83.518 persone sono fuggite dalle loro case. La maggior parte di loro si trova ad affrontare la povertà estrema ed è costretta a fare affidamento sull’assistenza umanitaria, poiché ha pochi beni o opportunità di guadagno, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e lo scarso accesso al sostegno comunitario. 

Senza interventi significativi, c’è il rischio che la carestia (fase 5 dell’IPC) non solo venga dichiarata, ma continui e si deteriori rapidamente fino al 2023. Azione contro la Fame – presente in Somalia dal 1992 e attiva sul campo per rispondere all’emergenza in corso – avverte che la situazione diventerà catastrofica senza una risposta umanitaria su larga scala.

AZIONE CONTRO LA FAME IN SOMALIA

Azione contro la fame opera in Somalia dal 1992 e nel 2020 ha raggiunto quasi il 9% della popolazione totale del Paese, dove i suoi operatori sono impegnati a:

  • Promuovere la salute |Azione contro la fame lavora per rafforzare i sistemi sanitari e gestisce 68 strutture sanitarie e nutrizionali e squadre mobili, tra cui cinque ospedali e 30 centri sanitari.
  • Curare e prevenire la fame | quest’anno Azione contro la fame ha curato quasi 100.000 bambini e adulti per la malnutrizione e altre malattie. Inoltre, sta fornendo a 185.000 famiglie assistenza d’emergenza in contanti per poter acquistare il cibo di cui hanno bisogno e sta aiutando gli agricoltori con kit di irrigazione solare, sementi e fertilizzanti per tornare a essere autosufficienti di fronte alla crisi climatica.
  • Fornire acqua pulita | Azione contro la fame sta fornendo alla popolazione le forniture e le conoscenze necessarie per prevenire il colera, lavorando per ripristinare i pozzi dove possibile e trasportando l’acqua a migliaia di persone, una misura d’emergenza costosa che non è destinata a durare nel tempo.

AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

Azione contro la Fame è alla guida di un movimento globale per porre fine alla fame nel mondo. L’associazione, specialista e innovatrice negli interventi di contrasto alla fame e alla malnutrizione infantile, raggiunge 25 milioni di persone ogni anno con programmi di prevenzione e trattamento della fame di comprovata efficacia. Come organizzazione non profit che opera in 51 Paesi, i suoi 8.300 membri dello staff collaborano con le comunità per affrontare le cause profonde della fame, tra cui i cambiamenti climatici, i conflitti, le disuguaglianze e le emergenze. Il suo obiettivo è creare un mondo libero dalla fame, per tutti e per sempre.

Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

RIMANI INFORMATO​

Ricevi le storie, gli approfondimenti e le notizie sui progetti dal campo e le iniziative contro la fame.

"*" indica i campi obbligatori

Nome completo*
Hidden
Informazioni da fornire, ex art. 13, GDPR
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
L’91% delle donazioni
vanno ai programmi
sul campo