Ucraina: in partenza i primi carichi di grano dal porto di Odessa. Azione contro la Fame: no alla fame come arma di guerra!

27 Luglio 2022

Milano, 27 luglio 2022

“La fame non dovrebbe mai essere usata come arma di guerra: questo accordo rappresenta un primo passo, che potrebbe contribuire a ridurre la pressione sui mercati e i tassi di inflazione e, quindi, migliorare l’accesso al cibo specie in Paesi dove la fame è già una realtà”, dichiara Simone Garroni, direttore di Azione contro la Fame, organizzazione internazionale attiva da 40 anni in 51 Paesi nel mondo, a commento della notizia dei primi carichi di grano partiti dal porto di Odessa, dopo l’accordo firmato da Russia e Ucraina.

L’organizzazione accoglie positivamente la notizia ma ammonisce sul fatto che, per avere impatto sulla crisi alimentare in corso, il grano “sbloccato” dovrebbe essere reindirizzato verso i Paesi in cui la domanda è drammaticamente alta. Ad esempio, in Somalia, dove Azione contro la Fame è presente dal 1992. Qui, da gennaio 2022 a oggi, il numero di bambini gravemente malnutriti curati dall’organizzazione nei 51 centri medici e ambulatori di nutrizione che gestisce in tutto il paese, è aumentato del 60%.

I Paesi del Corno d’Africa sono tra i più colpiti dall’aumento dei prezzi e dell’inflazione. Qui Azione contro la Fame ha attivato e sta rafforzando una risposta di emergenza attraverso il personale locale e i partner, fornendo servizi sanitari e nutrizionali salvavita, con una particolare attenzione per i bambini e le donne in gravidanza e in allattamento.

“In questo momento occorre essere chiari su un punto: la crisi alimentare che stiamo vivendo non dipende dalla guerra in Ucraina, ma ha iniziato a manifestarsi ben prima del conflitto. Oggi, l’inflazione basata sulla speculazione è la causa principale dell’insicurezza alimentare, molto più di una reale carenza di grano o di cibo in generale”, prosegue Garroni.

A livello globale, infatti, non c’è carenza di scorte alimentari. Il vero problema è l’accesso al cibo, e questo dipende dalle cause strutturali della fame: i conflitti, la crisi climatica e le disuguaglianze, sociali e di genere.

Inoltre, la crisi alimentare globale, pur essendo accentuata dal conflitto in Ucraina e dal blocco delle scorte alimentari, trova terreno fertile in due anni di pandemia, crisi economiche, crisi del debito, problemi di governance e conflitti locali, dipendenza netta dalle importazioni, ecc. A tutto questo vanno aggiunte le misure unilaterali adottate da alcuni Stati in chiave protezionistica, e che si ripercuotono sulle regioni più vulnerabili (ad esempio, ci sono Paesi che riducono o addirittura vietano le esportazioni di cibo per nutrire la propria popolazione, come la Cina, che detiene il 50% delle riserve mondiali di grano).

Lo sblocco del grano ucraino è certamente un fatto importante, ma il rischio di un’escalation della fame non sarà eliminato da questi 20 milioni di tonnellate. Se si considera che l’Ucraina è un importante produttore di colture, tra cui grano, olio e semi di girasole e mais, l’attuale crisi di accesso al cibo potrà in futuro aggravarsi e trasformarsi in carenza.

“Anche per questi motivi, è assolutamente necessario preservare la capacità produttiva agricola del Paese, facilitando in ogni modo le esportazioni, proteggendo i civili e le infrastrutture vitali in conformità con il diritto umanitario internazionale e le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Non da ultimo, sarà essenziale potenziare gli sforzi diplomatici per porre fine al conflitto che, come tutte le guerre, è una delle tre cause strutturali della fame nel mondo”, conclude Garroni.

Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

RIMANI INFORMATO​

Ricevi le storie, gli approfondimenti e le notizie sui progetti dal campo e le iniziative contro la fame.

Nome completo*
Hidden
Informazioni da fornire, ex art. 13, GDPR
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
L’91% delle donazioni
vanno ai programmi
sul campo