news

Let Them Choose

Durante la Settimana per l’allattamento materno, dal 1 al 7 ottobre, Azione contro la Fame lancerà anche in Italia la campagna LET THEM CHOOSE, già attiva in Francia e Germania.

La campagna, corredata da una petizione su Change.org chiede alle maggiori aziende produttrici di latte artificiale di  modificare le proprie pratiche di marketing, che incidono significativamente sulle scelte dei genitori e sulla salute dei neonati. 

Massima allerta nelle Filippine per l'arrivo del tifone Mangkhut

Il tifone Mangkhut si sta dirigendo a nord delle Filippine con violenza devastante. Se le stime del Global System of Coordination and Disaster Alert (GDACS) sono esatte, potrebbe raggiungere un'intensità di 250 km/h, attraversando il nord dell'isola di Luzon il 14 settembre. Le previsioni indicano che le onde potrebbero raggiungere i sei metri sulle coste nord e est di Cagayan. E il suo ampio raggio di 450 km potrebbe portare forti piogge nelle province di Cagayan e Isabela.

Le cifre della fame: 821 milioni di persone soffrono di insicurezza alimentare

Le Nazioni Unite hanno appena reso pubbliche la nuove cifre della fame nel mondo: 821 milioni di persone, sei milioni in più rispetto al 2017. 492 milioni con la necessità di un’azione umanitaria urgente.

"Si chiama 'Azione contro la Fame', perché le hanno salvato la vita"

"Ehi, Action against Hunger, vieni qui!".  Xukun Muhumed chiama così la sua spumeggiante figlia di 21 mesi, Anzal.

I suoi occhi curiosi guardano una macchina sconosciuta parcheggiata nelle vicinanze, e poi corre verso sua madre, ridacchiando.

Crisi del lago Chad: cosa è emerso dalla Conferenza di Berlino

"Dalla Conferenza sulla crisi del Lago Chad a Berlino è emerso un consenso generale sui principali approcci che dovrebbero essere considerati per il futuro della regione," è quanto ha affermato Magali García, Coordinatrice Advocacy di Azione contro la Fame. Un accordo generalizzato tra i partecipanti può essere riassunto attorno a quattro questioni chiave:

Aperte le iscrizioni in tutta Italia per la Corsa contro la Fame

Aprono oggi in tutta Italia le iscrizioni per partecipare alla Corsa contro la Fame, l'evento didattico, sportivo e solidale di Azione contro la Fame destinato alle scuole elementari, medie e al biennio delle superiori per sensibilizzare i ragazzi a cause sociali importanti come la cura e la prevenzione della malnutrizione infantile.

Per ogni Istituto, è previsto un percorso di formazione tenuto da un rappresentante di Azione contro la Fame, con l’obiettivo di sensibilizzare gli alunni sulle cause e le conseguenze della fame nel mondo.

La canzone di Habibur

Habibur Rahman è un rifugiato Rohingya, fuggito dal suo paese nel 2008. Dal 2009 lavora con Azione contro la Fame come promotore d'igiene e il suo approccio è molto particolare: compone musica e scrive testi che parlono dell'importanza di lavarsi le mani o delle malattie che si possono prendere a contatto con l'acqua sporca. 

Portare la salute più vicina a casa

Sappiamo come fermare la maggior parte delle principali cause di morte per i bambini di tutto il mondo: malaria, diarrea e polmonite sono tutte malattie prevenibili e curabili attraverso medicine, vaccini e altri strumenti scientificamente provati. Una diffusa malnutrizione rende i bambini ancora più vulnerabili a queste malattie, ma organizzazioni come Azione contro la Fame hanno gli strumenti, la formazione e l'esperienza per prevenirle e curarle. E lavoriamo costantemente insieme ai partner e ai ministeri della salute locali per cercare e raccogliere pro

Esodo Rohingya: un anno dopo

Un anno fa, centinaia di migliaia di Rohingya si sono riversati in Bangladesh, fuggendo dalla persecuzione nel loro paese d'origine, il Myanmar. Oggi più di 900.000 persone sono ospitate in accampamenti di fortuna nella regione di Cox's Bazar. Mentre le loro condizioni di vita sono estremamente precarie, non c'è una soluzione politica all'orizzonte e il futuro di queste famiglie rimane incerto.


VIOLENZA MIRATA

Un tributo agli operatori umanitari. Un promemoria per la loro protezione

Ogni anno, il 19 agosto, la comunità internazionale si mobilita per rendere omaggio a coloro che forniscono assistenza alle persone colpite da conflitti e disastri naturali in tutto il mondo. Ma questo giorno rende anche omaggio a coloro che hanno perso la vita aiutando i più vulnerabili. 

Pertanto, finché gli standard internazionali non saranno rispettati, gli operatori umanitari continueranno a mettere a rischio la loro vita, servendo gli altri.

Nel 2003, 22 persone sono state uccise in un attacco contro il quartier generale delle Nazioni Unite a Baghdad, in Iraq.

Pagine

Abbonamento a RSS - news
"