Foto: Azione contro la Fame Siria

8 ANNI DI GUERRA IN SIRIA: 11,7 MILIONI DI PERSONE IN EMERGENZA UMANITARIA

  • Azione contro la Fame fa appello a tutti i governi riuniti alla Conferenza dei donatori che inizia oggi a Bruxelles per una maggiore generosità (nel 2018 è stato coperto solo il 62% dei finanziamenti necessari) e che gli aiuti di emergenza vadano anche a supporto dell’implementazione di strumenti di resilienza.

  • Sono ormai otto gli anni di guerra e i dati sulla nutrizione sono allarmanti: 6,5 milioni di siriani vivono nell'insicurezza alimentare e il 40% della popolazione spende due terzi del proprio reddito per il cibo.

  • Migliaia di vedove o donne sole sono ora capifamiglia, portando a casa un salario e conservando al tempo stesso un forte carico di lavoro domestico. Tra le giovani in crescita matrimoni precoci e abbandoni scolastici.

"La guerra non è finita in Siria. Nonostante il calo della violenza generale, le ostilità persistono e la gente continua a morire ogni giorno. E anche quando cesseranno, la situazione non cambierà dalla notte al giorno. La Siria è un paese devastato, otto anni di conflitti hanno distrutto mercati, mezzi di sussistenza, infrastrutture idriche... tornare al punto di partenza richiederà tempo", spiega Chiara Saccardi, responsabile di Azione contro la Fame per la Siria e la regione. La scelta di tornare deve essere volontaria, dignitosa e sicura. Circa 1,4 milioni di siriani sono tornati in patria nel 2018, ma la grande maggioranza si è ritrovata senza casa o senza servizi sanitari, istruzione o servizi idrici e fognari di base. Quindi Azione contro la Fame insiste sulla necessità di non accelerare il ritorno finché non saranno soddisfatte le necessarie condizioni di sicurezza e dignità. "Quando parliamo dei rientri” spiega Saccardi “dobbiamo pensare che non ci sono solo gli oltre 5 milioni che hanno lasciato il paese, ma anche gli sfollati all’interno della Siria: 6,2 milioni di persone costrette a lasciare la loro casa senza lasciare il paese e che hanno maggiori difficoltà ad accedere agli aiuti internazionali". In ogni caso, a fronte di ancora 1.630.000 nuovi spostamenti, i rientri sono stati ad oggi solo 1.400.000.

Siria: priorità recuperare accesso all'acqua e ai servizi igienici di base

Azione contro la Fame che, presente in Siria dal 2008, ha focalizzato la sua risposta umanitaria sulla fornitura di acqua e servizi igienici e di sanificazione. La distruzione dei sistemi idrici e fognari è tra i maggiori impatti degli otto anni di conflitto: "più del 70% delle acque reflue non viene trattato e i sistemi di trattamento dei rifiuti non funzionano, il che rappresenta una seria minaccia per la salute pubblica. Recenti epidemie di leishmaniosi potrebbero essere solo la punta dell'iceberg", spiega Saccardi. La riabilitazione delle reti idriche distrutte deve essere una priorità per il finanziamento internazionale "la distribuzione di acqua con le navi cisterna non è più sostenibile, e il compito di ristabilire i servizi di base deve essere affrontato al più presto possibile". Un’altra condizione chiave per il ritorno è lo sminamento: le mine sono un rischio per una persona su due in Siria.

Siria: bisogna finanziare un diverso tipo di aiuti

Nel 2018 sono stati finanziati solo 2.100 dei 3.360 milioni richiesti dalla comunità umanitaria. "L'incontro di Bruxelles è un'opportunità per dimostrare che per la comunità internazionale la crisi non è finita e rimane un impegno col popolo siriano", spiega Jean-Raphaël Poitou, capo dell’impatto umanitario di Azione contro la Fame, e sottolinea come gli aiuti non possano limitarsi alla risposta alle emergenze, ma debbano iniziare a integrarsi a programmi di resilienza per sostenere l'agricoltura, il bestiame e la generazione di reddito. La siccità del 2018 è stata un colpo in più per la produzione alimentare.

Siria, le donne particolarmente vulnerabili

Azione contro la Fame ha toccato con mano l'aumento delle famiglie dove ora sono le donne a portare a casa un salario e il cibo, caricandosi così di volumi di lavoro molto pesanti. Spesso le giovani smettono di andare a scuola se la madre si ammala o per aiutarla a diminuire il suo carico di lavoro, specie in casa. Sono sempre le donne e le ragazze a razionarsi il cibo quando scarseggia. La dieta nelle famiglie più povere si basa su pane, tè e zucchero, con carenza di frutta, verdura e carne.

CONTINUA A SOSTENERE IL NOSTRO INTERVENTO IN SIRIA
Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"