Colombia, un mese dopo | Azione contro la Fame

Colombia, un mese dopo

"Mocoa continua ad aver bisogno d'aiuto, quasi un mese dopo l'inizio dell'emergenza. Allo stato attuale ci sono ancora persone in rifugi o in case di accoglienza,", dice José Luis Barreiro, direttore di Azione contro la Fame in Colombia.

Azione contro la Fame ha dato priorità alla domanda di acqua e servizi igienici, in quanto dopo il disatro le infrastrutture idriche sono andate completamente distrutte.Infatti, la rete idrica è ancora disabilitata nella città di Mocoa. Alla domanda di acqua potabile si risponde con la distribuzione di cisterne. Si stima che questo sistema di distribuzione dell'acqua provvisorio possa continuare ancora per circa due mesi.

"Prestiamo molta attenzione al controllo dei vettori e delle malattie portate dall'acqua - come dengue e colera," aggiunge José Luis. "La nostra risposta si è concentrata su acqua e servizi igienici, con l'installazione e la riabilitazione di punti d'acqua sicuri e la distribuzione di filtri, kit per l'igiene e taniche, oltre a zanzariere, stuoie per dormire, coperte e cibo," aggiunge José Luis .

"Fin dall'inizio abbiamo coordinato la nostra risposta con le istituzioni della zona, fornendo loro supporto e assistenza tecnica. Sia per la gestione delle informazioni sia per la distribuzione degli aiuti umanitari," ha detto Barreiro.

Attraverso le valutazioni che le squadre di Azione contro la Fame hanno fatto sul terreno, è stato rilevato che le attività produttive della popolazione agricola si sono gravemente impoverite. "Una delle nostre principali preoccupazioni dopo la prima risposta di emergenza è identificare l'impatto sulle condizioni di vita della popolazione, che può avere gravi conseguenze a lungo termine," ha dichiarato José Luis Barreiro.

Le squadre di Azione contro la Fame, presenti nel territorio di Putumayo dal 1997, sono partite per Mocoa con coperte, materassi, filtri per l'acqua e altri materiali di prima necessità poche ore dopo il disastro, portando aiuto a 3.000 persone. In aggiunta a queste prime distribuzioni, abbiamo installato più di 84 punti d'acqua, distribuito cibo nelle mense comunitarie, kit igienici e maschere alla popolazione concentrata nei punti di accoglienza.

"Dal momento che le alluvioni sono continuate finora, le nostre squadre sul campo hanno percepito un forte aumento di stress e ansia nella popolazione, che si aspetta una soluzione. Ci auguriamo che da maggio abbia inizio la sovvenzione di 350.000 pesos (poco più di 100 euro) che il governo darà per tre mesi. Dopo questo periodo, ci troveremo di fronte a un momento critico, la popolazione colpita avrà bisogno di un alloggio ma non ci sono più rifugi.L'acqua sarà tra gli altri bisogni a cui daremo priorità nei prossimi mesi," conclude José Luis.

 
Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"