Escalation di violenze mette a rischio servizi essenziali da cui dipendono migliaia di vulnerabili | Azione contro la Fame
Escalation violenze territori palestinesi occupati

Escalation di violenze mette a rischio servizi essenziali da cui dipendono migliaia di vulnerabili

Azione contro la Fame esprime la sua preoccupazione per l’attuale escalation di violenze in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati, che ha provocato, dallo scorso 10 maggio, la morte di 59 persone, compresi 15 bambini. La violenza è aumentata a Gerusalemme e, in particolare, nella “Città Vecchia”, intorno alla moschea di Al-Aqsa e anche nell'area di Sheikh Jarrah (Gerusalemme Est), dove quattro famiglie palestinesi sono a rischio imminente di sgombero forzato. La Cisgiordania sta assistendo a una preoccupante tendenza legata all'aumento degli scontri.

"La situazione è molto tesa - ha dichiarato, da Gerusalemme, Lucas Honauer, direttore di Azione contro la Fame nei Territori Palestinesi Occupati -. Siamo molto preoccupati perché questi eventi stanno solo aumentando i bisogni umanitari, già enormi, in un’area già gravemente colpita dal Covid-19”.

Azione contro la Fame invita entrambe le parti a rispettare il diritto internazionale umanitario, a proteggere i civili e, inoltre, a consentire alle organizzazioni di fornire in modo sicuro la risposta adeguata alle esigenze umanitarie che aumentano di giorno in giorno. Gli effetti delle violenze, infatti, stanno incidendo anche sulle infrastrutture e sull’approvvigionamento energetico, da cui dipendono migliaia di persone vulnerabili. Si prevede che le scorte di carburante possano esaurirsi già alla fine della settimana.  Un eventuale carenza legata alla fornitura di elettricità avrebbe, inevitabilmente, un impatto sui servizi pubblici, come gli ospedali e gli impianti di desalinizzazione necessari per offrire acqua pulita e sicura.

Azione contro la Fame opera nei Territori Palestinesi Occupati dal 2002, con 68 professionisti umanitari che coordinano programmi per l'acqua, i servizi igienico-sanitari, i mezzi di sussistenza e la protezione. Il nostro aiuto raggiunge 170.000 persone in Cisgiordania e Gaza.

 

Aiutaci anche tu
Tag
"