fbpx Più forte delle avversità | Azione contro la Fame

Più forte delle avversità

Nel dicembre 2013 è scoppiata la guerra civile in Sud Sudan. Lo sconvolgimento politico e il conflitto in corso, combinato con l'insicurezza diffusa, l'inflazione, i deficit alimentari e un'economia instabile, hanno contribuito a creare un'emergenza umanitaria fuori controllo. Gran parte della popolazione è stata sfollata, costretta a fuggire in cerca di salvezza, causando la più grande crisi di rifugiati in Africa.

Oggi, quasi quattro anni dopo l'inizio del conflitto, un alto rischio di carestia minaccia diverse zone del Paese. Sei milioni di persone hanno urgente bisogno di assistenza alimentare - il numero più elevato di persone che soffrono la fame mai registrato nella nazione.

Ma nonostante le enormi difficoltà, la scarsità di cibo e la minaccia costante alla loro vita e ai loro mezzi di sostentamento, alcune persone sono più forti delle avversità. Queste sono le storie di persone che si sforzano di superare la fame e di essere agenti di cambiamento per aiutare le loro comunità. 

Video in lingua inglese @ACF Usa 

DOTT. DAVID ZAKAIO
DOTTORE, AZIONE CONTRO LA FAME

"Ho lavorato come volontario per otto mesi nelle aree più colpite dal conflitto. La situaione richiede l'aiuto di tutti e io contribuisco con le mie conoscenze mediche."

Nyankir ha un anno ed è stato ricoverato nel centro di stabilizzazione di Malualkon perché affetto da malnutrizione acuta severa e grave disidratazione. Il dottor David e gli altri membri dello staff si sono presi cura di lei.

REGINA
MADRE, LEADER DEL GRUPPO DI SUPPORTO

"Volevo essere utile alla mia comunità. È essenziale, per me, tresmettere questo messaggio alle nuove generazioni: sono loro il futuro di questo Paese."

Regina lavora come leader in un gruppo di sostegno di Azione contro la Fame. Incontra altre madri e gli parla di una varietà di argomenti che le aiuteranno a migliorare l'alimentazione infantile nella loro comunità, tra cui l'allattamento al seno, l'importanza di una buona igiene e di una dieta equilibrata.

ACHOC
MADRE, COSTRUTTRICE

"Mio figlio era malato e non voleva nemmeno essere allattato, quindi ho dovuto portarlo al centro di stabilizzazione di Azione contro la Fame nel mio villaggio. Durante il soggiorno, lo staff mi ha parlato di igiene e salute. Con il loro aiuto ho deciso di costruire una latrina nella mia casa."

Atong, di un anno, soffriva di polmonite e malnutrizione acuta. È stata ricoverata al centro di stabilizzazione di Malualkon e, dopo sei giorni di terapia intensiva, è stata dimessa. Sua madre Achoc è ora parte del programma WASH (Acqua, Igiene e Sanità) di Azione contro la Fame e ha ricevuto gli strumenti e la formazione necessaria per costruire una latrina vicino a casa sua.

AGAWOL
MADRE, VOLONTARIA DELLA COMUNITÀ

"Non lo facciamo per guadagnarci qualcosa. Vogliamo solo aiutarci l'un l'altro e migliorare la nostra situazione."

Agawol è una volontaria di Azione contro la Fame nella sua comunità. Qui effattua un test per la malnutrizione sul figlio della vicina.


Tag
"