Foto e testi di Lys Arango

Portare la salute più vicina a casa

Sappiamo come fermare la maggior parte delle principali cause di morte per i bambini di tutto il mondo: malaria, diarrea e polmonite sono tutte malattie prevenibili e curabili attraverso medicine, vaccini e altri strumenti scientificamente provati. Una diffusa malnutrizione rende i bambini ancora più vulnerabili a queste malattie, ma organizzazioni come Azione contro la Fame hanno gli strumenti, la formazione e l'esperienza per prevenirle e curarle. E lavoriamo costantemente insieme ai partner e ai ministeri della salute locali per cercare e raccogliere prove su come migliorare quegli strumenti salvavita.

Quindi perché migliaia di bambini sotto i cinque anni muoiono ancora ogni giorno? 

Le ragioni variano da comunità a comunità, ma molte delle barriere riguardano l'accesso alle cure: mentre esiste un trattamento, i centri sanitari e gli ospedali sono spesso troppo lontani perché i genitori possano arrivare in tempo per salvare il loro bambino. Le pratiche che migliorano la salute dei bambini e impediscono loro di ammalarsi sono numerose, ma, il più delle volte, questa conoscenza non arriva alle madri, che invece in altre circostanze le metterebbero a frutto. Anche la mancanza di risorse e di servizi locali e un divario nella fiducia e nell'istruzione dei caregiver sono ostacoli importanti.

Un modo fondamentale per superare queste barriere è quello di coinvolgere e sviluppare la capacità degli operatori sanitari e dei volontari della comunità. Il termine tecnico per questo approccio è "gestione di casi di comunità integrata" o ICCM: nelle strutture sanitarie, gli operatori sanitari della comunità sono addestrati a valutare, trattare, riferire e controllare i bambini per una varietà di malattie, e poi portano queste conoscenze a le comunità in cui vivono.

Fino a poco tempo fa, ai volontari veniva dato solo ciò di cui avevano bisogno per diagnosticare i bambini - ma ora, molti di loro hanno anche il potere di curare le malattie dopo aver effettuato la diagnosi. Nella contea di Isiolo, in Kenya, Azione contro la Fame, in collaborazione con il Ministero della Salute e l'UNICEF, ha formato volontari sanitari per lo screening, la diagnosi e il trattamento di malattie potenzialmente letali, tra cui la malnutrizione grave, oltre a insegnare alle famiglie come prevenire le malattie .
 

Gladys mostra la madre di Promise, Ester, la medicina di Promise e spiega come dovrebbe essere preparato.

Gladys mostra alla madre di Promise, Ester, la medicina di cui Promise ha bisogno e le spiega come dovrebbe essere preparata.

LA PROMESSA DI UN FUTURO PIÙ SANO: GLADYS MWARANIA, VOLONTARIA PER LA SALUTE DELLA COMUNITÀ 

"Questa bambina potrebbe essere morta", dice la volontaria per la salute della comunità Gladys Mwarania. "Se non fossi venuta qui, sarebbe potuta morire."

In una zona rurale della contea di Isiolo, in Kenya, Gladys visita la casa di Ester, madre di tre figli. La figlia di tre anni di Esther, Promise, si è ammalata di una grave forma di diarrea alcuni giorni fa e, quando Gladys è stata in grado di eseguire un controllo sanitario, era già molto debole. Sua madre non poteva permettersi un taxi per il centro sanitario, e il viaggio dura più di due ore a piedi.

"Continuavo a pensare, quando domani arriverà, mia figlia starà bene," dice Esther.

Promise peggiorava, diventando più disidratata, ma aveva la fortuna di avere Gladys come vicina. Gladys è parte di un gruppo selezionato di volontari che sono stati formati non solo per rilevare i casi di malnutrizione, diarrea, polmonite e malaria, ma anche per curarli. Gladys ha confermato che la bambina soffriva di diarrea e ha fornito medicine per aiutarla a recuperare: compresse di zinco e sali per la reidratazione orale.

"Dopo due giorni, Promise si sentiva molto meglio", dice Gladys. "Ora vengo spesso per verificare che continui a migliorare. Se ci fosse una ricaduta, la manderei subito al centro sanitario."

Maddalena, volontaria della salute della comunità, raffigurata in un centro di salute.

Magdalene, volontaria per la salute della comunità, raffigurata in un centro sanitario

"IL LAVORO CHE TENGO NEL MIO CUORE" - MAGDALENE, VOLONTARIA PER LA SALUTE DELLA COMUNITÀ

Magdalene, 38 anni, lavora per il programma ICCM dall'anno scorso, ma la sua esperienza come volontaria per la salute della comunità risale a più di un decennio. Molto tempo fa, ha conquistato la fiducia delle madri della sua comunità - e ora è la prima persona da cui vanno se hanno un figlio malato.

"Spesso sono chiamata più volte al giorno dalle madri in cerca di aiuto per i loro figli", dice. "Educazione e trattamento, le due cose vanno insieme. La soluzione migliore è andare nelle case, parlare direttamente alle persone, in modo che possano capire come migliorare la loro salute ".

Magdalene è membro della tribù Turkana, la seconda più grande comunità pastorale del Kenya. Sono conosciuti come un popolo di grandi sopravvissuti, vivono in terreni aspri e inospitali, ma possono avere molte difficoltà ad accedere al centro sanitario quando necessario.

"Viviamo in una zona remota, dove le distanze sono enormi, quindi quando un bambino si ammala, molte madri aspettano prima di intraprendere il viaggio  verso l'ospedale e a volte è troppo tardi", spiega Magdalena. "Questo è il lavoro che tengo nel mio cuore. Lo faccio per salvare la vita dei bambini della mia comunità ".
 

Magdalena, volontaria della salute della comunità, mostra due bambini della tribù Turkana.  Un bambino soffre di malnutrizione e viene trattato e monitorato.

Magdalena, volontaria della salute della comunità, visita due bambini della tribù Turkana. Un bambino soffre di malnutrizione e viene trattato e monitorato.

L'APPROCCIO INCENTRATO SULLA COMUNITÀ PRODUCE OTTIMI RISULTATI

"È uno dei programmi più appaganti in cui sia mai stato coinvolto", afferma Buke Dabasso, responsabile del programma di Azione contro la Fame. I genitori sono spesso riluttanti a portare i bambini in cliniche a causa della distanza e delle lunghe code che devono affrontare quando arrivano lì: essere trattati a casa significa che i pazienti non devono visitare strutture sanitarie sovraccariche.

"Il volontario sanitario tratta il paziente nell'ambiente in cui è stata contratta la malattia", afferma Dabasso, sottolineando un altro vantaggio delle visite domiciliari. "Possono vedere perché la persona è malata; forse c'è acqua stagnante, forse ci sono buchi nelle zanzariere. Alla clinica, la persona va solo con la malattia. "

Attualmente un progetto pilota, la speranza è che questo approccio incentrato sulla comunità si trasformi in servizi sanitari comunitari stabili, efficaci ed efficienti nelle unità sanitarie comunitarie in tutto il Kenya. 

Alimentati dalla passione e dall'impegno degli operatori sanitari e dei volontari della comunità, queste unità contribuirebbero a salvare vite e migliorare la salute dei bambini in tutto il Paese, fornendo una gestione efficace dei casi di malaria, polmonite, diarrea e malnutrizione.

Tag
"