"Si chiama 'Azione contro la Fame', perché le hanno salvato la vita"

"Ehi, Action against Hunger, vieni qui!".  Xukun Muhumed chiama così la sua spumeggiante figlia di 21 mesi, Anzal.

I suoi occhi curiosi guardano una macchina sconosciuta parcheggiata nelle vicinanze, e poi corre verso sua madre, ridacchiando.

È difficile dire che questa bambina allegra sia la stessa Anzal di cinque mesi fa. A 16 mesi, Anzal non riusciva a fare molte delle cose che altri bambini della sua età potevano fare senza problemi, come tenere la testa ferma per conto suo. Dopo aver sviluppato diarrea, vomito e febbre, il suo appetito era scarsissimo e il collo era diventato troppo debole per sostenere il peso della testa

Xukun, sua madre, era devastata dalla paura ma molto determinata. 
"Ero incinta del mio ultimo nato, ma ero pronto a portare mia figlia ovunque per salvarle la vita," dice la madre di sei. Il padre di Anzal, invece, si sentiva diversamente. Non nutriva alcuna speranza che si sarebbe ripresa, e si era rassegnato a perdere la sua bambina per colpa della malnutrizione. 

Anzal e la sua famiglia vivono ad Aato, un villaggio 25km a ovest di El Barde, una città nel sud-ovest della Somalia. Suo padre Mohamud, 31 anni, è un insegnante religioso in una scuola locale e mantiene con il suo unico stipendio di appena 30 dollari al mese una famiglia di otto persone.

Con il progresso della malattia, Anzal ha smesso di prendere il latte materno perché le si erano formate delle piaghe in bocca. Mentre il disturbo peggiorava, i suoi genitori l'hanno portata da un leader religioso locale perché gli consigliasse un rimedio.

"Sfortunatamente, le sue condizioni non stavano migliorando. Mi è stato quindi consigliato di portarla dal team di Azione contro la Fame, che in un paio di giorni sarebbe arrivato a visitare il nostro villaggio", dice Xukun. 

Xukun e Anzal sono arrivate ​​al centro di Azione contro la Fame ad Aato. Dopo averla valutata e visto quanto fosse grave il suo caso, l'infermiera ha raccomandato che Anzal fosse portata al Centro di stabilizzazione di Azione contro la Fame di El Barde. 

Abdikarim, educatore sanitario di Azione contro la Fame, misura Anzal nel centro terapeutico ambulatoriale di Aato

La madre di Anzal era pronta a portare sua figlia al Centro di stabilizzazione dal nostro team, ma suo padre Mohamud - che non credeva che un intervento medico avrebbe cambiato nulla - respinse quella proposta. "Ho detto loro di non portarla via, che potevo seppellirla qui. Ero senza speranza ", dice depresso. "Avevo appena perso la mia mandria di 30 capre per la siccità e stavo per perdere mia figlia." 

Invano, il team di Azione contro la Fame ha cercato di convincerlo a portare Anzal nel centro di stabilizzazione. Una settimana dopo, la squadra è tornata per condurre un altro controllo. 

"Abbiamo visitato Anzal e abbiamo visto che ancora teneva duro. Abbiamo cercato di convincere suo padre a cambiare posizione, ma è stato irremovibile. Siamo rimasti delusi. Per fortuna, ha accettato con riluttanza la nostra terza visita ", dice Abdikarim, educatore sanitario di Azione contro la Fame.

"Anche se ho accettato che la portassero via, in fondo sentivo che non era la decisione migliore - ma mi sbagliavo", dice Mohamud. 

Quando Anzal fu finalmente ammessa al Centro di stabilizzazione, era estremamente emaciata. Aveva la febbre alta e problemi di alimentazione a causa delle piaghe nella sua bocca. Anzal è stato nutrita attraverso un tubo per quattro giorni, assunto antibiotici e antidolorifici per alleviare la febbre e le è stato somministrato latte terapeutico per curare la malnutrizione acuta grave. 

La sua ripresa è stata immediata. 

"Il secondo giorno, non era più febbrile e, nel giro di una settimana, le sue ferite erano completamente guarite. Era in grado di nutrirsi bene. Anzal ha risposto bene al trattamento e ha guadagnato peso ogni giorno, gradualmente" dice Abdinur, una delle infermiere del Centro di stabilizzazione. 

Abdikarim non si è mai arreso e la sua perseveranza ha convinto il padre, Mohamud, a inviare Anzal per cure salvavita in un Centro di stabilizzazione di Azione contro la Fame

Nel Centro di stabilizzazione, Xukun ha  seguito un corso di formazione tenuto dagli educatori sanitari di Azione contro la Fame su salute e nutrizione, compresi i modi per aiutare a mantenere sua figlia in salute. Quando si è ripresa abbastanza, Anzal è stata trasferita a un programma di terapia ambulatoriale  di Azione contro la Fame nel suo villaggio natale di Aato, dove ha continuato a ricevere cure nutrizionali per due mesi.

Infine, è stata trasferita al programma di alimentazione supplementare di Azione contro la Fame per altri due mesi prima di essere dimessa. Quando è tornata a casa, Anzal ha continuato a essere monitorata da vicino dagli operatori sanitari di Azione contro la Fame per controllare che non ci fossero ricadute. 

"Ho soprannominato Anzal 'Action against Hunger' perché le hanno salvato la vita", dice Xukun.

"Il caso di Anzal ha facilitato i nostri riferimenti da Aato. Ora tutti i genitori credono che, se Anzal ce l'ha fatta, anche i loro figli possono farcela ", dice Abdikarim. 

Il team di Azione contro la Fame per la sicurezza alimentare e il sostentamento di El Barde sta pianificando di includere Xukun nel loro prossimo programma Cash for Work, per aiutarla a guadagnare un reddito per sostenere i suoi figli e prevenire un altro caso di malnutrizione nella sua famiglia. 

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"