Sri Lanka: indifferenza per le 17 vittime del massacro di Muttur

12 anni fa, 17 impiegati di Azione contro la Fame sono stati giustiziati a Muttur, Sri Lanka. Questi uomini e donne, nonostante fossero operatori umanitari, sono stati uccisi nei loro uffici il 6 agosto 2006, mentre stavano fornendo assistenza alle vittime dello tsunami. Da allora Azione contro la Fame continua a chiedere il perseguimento degli autori del massacro secondo giustizia, invano.

Raramente gli operatori umanitari sono stati presi di mira con tale violenza. Questo assalto, condotto da alcuni membri delle forze governative dello Sri Lanka, costituisce un crimine di guerra, poiché la Convenzione di Ginevra stabilisce che anche in tempo di guerra, i civili e la protezione dei lavoratori umanitari rimane un prinicipio infrangibile.

Presi alla sprovvista nei loro uffici, i 17¬†operatori umanitari di Azione contro la Fame sono stati uccisi, quando il loro unico obiettivo era sostenere la popolazione locale.¬†Dopo aver aiutato pi√Ļ di 100.000 persone in Sri Lanka dal 2005, l'organizzazione ha alla fine deciso di lasciare il suolo nazionale due anni dopo l'omicidio.¬†Oltre alle vittime, ai loro parenti e colleghi, c'√® anche un'intera popolazione che¬†ha subito un¬†torto.

"Dal 2006 il governo dello Sri Lanka, dopo aver fallito nel suo dovere di proteggere la popolazione e tutti gli operatori umanitari, ha fallito anche nel suo dovere di fornire giustizia," spiega Pauline Chetcuti, Responsabile Advocacy di Azione contro la Fame. Le indagini nazionali condotte sono state inutili, e le richieste di Azione contro la Fame ignorate.

"Per affrontare questa impunità, siamo riusciti a ottenere nel 2014 l'apertura di un'indagine internazionale, che ha portato a una relazione sui crimini commessi durante la guerra civile dello Sri Lanka. Il Consiglio per i diritti civili delle Nazioni Unite ha motivato le nostre conclusioni, per quanto riguarda l' implicazione delle forze governative e le minacce alle famiglie e ai testimoni ", aggiunge Pauline Chetcuti.

Dopodiché, le Nazioni Unite e il governo dello Sri Lanka hanno approvato l'istituzione di un tribunale internazionale speciale, richiesto dal Consiglio. Tuttavia, l'istituzione del Tribunale è stata costantemente rimandata. Lo Sri Lanka ostacola il processo rifiutando la presenza di giudici internazionali. Le Nazioni Unite hanno recentemente affermato in una relazione del Relatore speciale sull'antiterrorismo che "nessuna delle misure adottate finora per soddisfare l'impegno dello Sri Lanka di fornire giustizia è appropriata per garantire reali progressi."

"Azione contro la Fame non rinuncerà alla giustizia per le 17 vittime del massacro di Muttur. Questa tragedia ci ricorda che gli operatori umanitari sono ancora minacciati nelle aree di conflitto, allo stesso modo dei civili e nonostante il fatto che la loro azione sia estremamente necessaria. Nessuna missione umanitaria può essere svolta in tali condizioni ", afferma Pauline Chetcuti.

Questa tragedia non è purtroppo un evento isolato. Il 19 agosto è la Giornata Mondiale degli Operatori umanitari, un tributo a tutti coloro che sono morti sul campo e a coloro che continuano a fornire assistenza a milioni di persone in tutto il mondo. La comunità internazionale deve mobilitarsi per assicurare che l'indifferenza  e il disprezzo non prevalgano. La sicurezza di tutti gli operatori umanitari è l'unica opzione.

"Chiediamo all'autorità competente di spingere lo Sri Lanka ad attuare un meccanismo realistico e indipendente per combattere l'impunità , garantendo nel contempo la responsabilità", conclude Pauline Chetcuti.

12 anni dopo il massacro, non li dimentichiamo e non rinunceremo alla nostra ricerca di giustizia: M. Narmathan , I. Muralitharan , R. Arulrajah , T. Pratheeban , A. Jaseelan , G. Kavitha , K. Kovarthani , V. Kokilavathani , S.Romila , M. Ketheswaran , M. Rishikesan , SP Anantharajah , G. Sritharan , S. Koneswaran , S. Ganesh, Y. Kodeeswaran, ALM Jawffar .

Tag
"