Iraq_LysArango_ActionFaim_WASH_21Iraq_LysArango_ActionFaim_WASH_21

Grande paura per la sorte dei civili a Mosul

1 Giugno 2017

“Aiutiamo le famiglie che si trovano a Mosul e i campi intorno alla città che ospitano gli sfollati. In città, le persone non hanno più hanno nulla. L’acqua potabile si sta esaurendo e il cibo quasi non si trova più. Spostarsi in cerca di qualche sollievo, come una maggiore sicurezza e gli aiuti umanitari, significa rischiare di essere presi di mira,” dice Aneta Sarna, Direttrice Paese di Azione contro la Fame in Iraq. “Molti ci raccontano l’orrore e la paura che hanno vissuto nel lasciare la città. Dev’essere fatto tutto il possibile per proteggerli e consentirgli di lasciare questo inferno.”

Sabato scorso, l’esercito iracheno ha intensificato la sua offensiva contro lo Stato Islamico a Mosul ovest e ora quasi 200 000 persone vivono in uno stato di assedio.

“L’evacuazione dei civili e i controlli che saranno imposti su di loro durante il trasferimento ai campi per sfollati dovranno essere dignitosi e trasparenti,” ha aggiunto Aneta Sarna, “le forze di sicurezza irachene devono rispettare i principi di protezione internazionale esistenti, i diritti umani e il diritto internazionale umanitario.”

Secondo il diritto umanitario internazionale, tutti gli attori armati e le parti interessate hanno il dovere di proteggere la popolazione e limitare l’uso di armi esplosive ad ampio raggio di applicazione in aree densamente popolate, dove l’intensificazione dei conflitti fa temere un terribile aumento nel numero vittime civili.

La nostra risposta a Mosul

Presente in Iraq dal 2013, Azione contro la Fame ha istituito una specifica risposta di emergenza per sostenere la popolazione di Mosul e dei suoi dintorni, attraverso attività che garantiscono accesso ad acqua pulita e servizi igienici, programmi di sicurezza alimentare e mezzi sussistenza, e sostegno psicologico.

Ieri, la nostre equipe ha fornito al General Hospital di Al-Askary, il principale centro traumatologico e di maternità a Mosul, 20.000 litri di acqua potabile, di cui gli operatori sanitari e i pazienti hanno disperatamente bisogno. Azione contro la Fame fornisce anche acqua potabile tramite serbatoi ai comuni di Mosul occidentale.

Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

RIMANI INFORMATO​

Ricevi le storie, gli approfondimenti e le notizie sui progetti dal campo e le iniziative contro la fame.

Nome completo*
Hidden
Informazioni da fornire, ex art. 13, GDPR
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
L’91% delle donazioni
vanno ai programmi
sul campo