Madagascar_3Madagascar_3

Madagascar

GLOBAL HUNGER INDEX
Allarmante
Popolazione
24.2 milioni
Il nostro team
134
Beneficiari
129646

Il Madagascar è uno dei paesi più poveri del mondo: quasi l’80% della popolazione vive con meno di 2 dollari al giorno.

L’ultima crisi politica nel 2009-2013 ha avuto impatti molto negativi sull’economia e sui sistemi sanitari.

Tra il 1980 e il 2010, il paese ha subito 35 cicloni e inondazioni, cinque periodi di grave siccità, cinque terremoti e sei epidemie. Questa vulnerabilità è stata intensificata dall’aumento della migrazione verso le grandi città, dal deterioramento delle infrastrutture stradali e dalle pessime condizioni di sicurezza. Alcuni villaggi hanno superato la soglia di emergenza per malnutrizione acuta globale (10%) stabilita dall’OMS e, a livello nazionale, il paese ha uno dei più alti tassi di malnutrizione cronica del mondo, al 47%.

Il progetto di rafforzamento del sistema sanitario avviato nel 2015 è in tutt’ora in corso, così come attività di assistenza sanitaria. Da novembre 2010, stiamo implementando un progetto di prevenzione e trattamento urbano per moderare la malnutrizione nella capitale, tra le famiglie vulnerabili dei quartieri svantaggiati. Inoltre, per mitigare la situazione di insicurezza nutrizionale dichiarata nel 2016, sono stati avviati programmi di emergenza nel sud, incentrati sul trattamento della malnutrizione acuta e sulla garanzia dell’accesso all’acqua potabile.

Azione contro la Fame, un attore importante nelle risposte di emergenza, è intervenuta nel 2017 a seguito del ciclone Enawo nel nord e dell’epidemia di peste polmonare che ha colpito il paese alla fine dell’anno.

Nel 2018, i nostri team pianificano di rafforzare la nostra azione attraverso un approccio basato sulla resilienza..

RIMANI INFORMATO​

Ricevi le storie, gli approfondimenti e le notizie sui progetti dal campo e le iniziative contro la fame.

Nome completo*
Hidden
Informazioni da fornire, ex art. 13, GDPR
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
L’91% delle donazioni
vanno ai programmi
sul campo