Foto: Christophe Da Silva

CIAD: OGNI GIORNO SALVIAMO DELLE VITE

Le porte del Mao Health Center nella regione di Kanem in Ciad, sono aperte tutti i giorni, curando i bambini che soffrono di malattie e malnutrizione grave.

Khadija Choukou ha 38 anni. Si prende cura di sua nipote Fatime di due anni mentre sua figlia, la madre di Fatime, aspetta di dare alla luce il suo secondo figlio. Non appena si è resa conto che la piccola Fatime era ammalata, ha fatto un'ora di viaggio per raggiungere l'ospedale più vicino, da cui poi è stata mandata al Mao Health Center. Viaggiare tra villaggi, specialmente nelle regioni rurali, può essere impegnativo e costoso. Ma con poca scelta, Khadija il giorno dopo ha intrapreso anche questo secondo viaggio.

Tutto è cambiato

"Ho usato tutte le mie conoscenze", spiega Khadija. “I nostri antenati ci hanno insegnato i trattamenti tradizionali: se un bambino ha la febbre alta, viene coperto con un asciugamano bagnato e gli vengono somministrate medicine tradizionali come l'olio di burro con il latte... niente ha funzionato. Ecco perché l'ho portata in ospedale". Tutto è cambiato quando Khadija e Fatime sono arrivati al centro sanitario. Gli Operatori sanitari di comunità hanno rapidamente diagnosticato Fatime e lei ha iniziato immediatamente il suo trattamento. "Mia nipote sta molto meglio di prima. Da quando ha preso la medicina sta molto meglio". Il Mao Health Center è uno dei tanti centri nutrizionali finanziati da Azione contro la Fame in Ciad che stanno facendo la differenza. Quando un bambino gravemente malnutrito entra dalle sue porte, può essere curato e riportato in piena salute entro otto settimane.

La fame: la più grande minaccia alla salute mondiale

Per il terzo anno consecutivo, i livelli di fame sono aumentati. Due miliardi di persone, un quarto della popolazione mondiale, non hanno un accesso sicuro al cibo. Ciò significa che la fame è ora la più grande minaccia per la salute globale - più grande di AIDS, malaria e tubercolosi messe insieme. Ogni giorno il nostro staff è in prima linea nella lotta contro la fame, lavorando duramente per raggiungere i bambini in alcuni degli ambienti più difficili del mondo. Non possiamo raggiungere tutti i bambini, ma quando lo facciamo possiamo salvare delle vite. Gli operatori sanitari della comunità escono in prima linea nella lotta contro la fame e trovano bambini come Fatime in aree difficili da raggiungere per aumentare drasticamente le loro possibilità di sopravvivenza.

Ciad: una crescente crisi umanitaria

La Repubblica del Ciad senza sbocco sul mare prende il nome dal suo lago. Raggiungendo il centro della dura e arida regione del Sahel, questa fonte d'acqua in rapida riduzione fornisce acqua a 30 milioni di persone in Ciad e nei paesi circostanti (Libia, Sudan, Repubblica Centrafricana, Camerun, Nigeria e Niger). Nel 2017, una terribile crisi umanitaria ha iniziato a palesarsi nella regione del Lago Ciad. Oltre mezzo milione di bambini erano a rischio di morire di fame e c'era un urgente bisogno di aumentare immediatamente l'assistenza umanitaria. L'estrema violenza contro i civili ha portato a sfollati diffusi. Rifugiati e richiedenti asilo sono fuggiti dalle violenze dai paesi circostanti aggiungendo pressione alla già indebolita economia del Ciad.

La situazione è ancora delicata

Dopo nove anni di violenza e l'impatto aggiunto dei cambiamenti climatici e della povertà, 43 ONG, tra cui Azione contro la Fame, hanno lanciato un allarme: 11 milioni di persone stavano affrontando una grave fame nella regione del Lago Ciad. Da allora, l'obiettivo principale della nostra risposta è stato quello di proteggere i civili dalla violenza e da altre difficoltà economiche e finanziarie. Sono stati compiuti progressi significativi, ma la continua insicurezza nella regione mostra che gli sfollati nella regione non saranno in grado di tornare a casa presto. Questi sfollati, che hanno lasciato tutto alle spalle quando sono fuggiti dalla violenza, hanno urgente bisogno di assistenza, ma la crisi ha soffocato l'economia del paese. Circa la metà dei 14,9 milioni di abitanti del Ciad ha urgente bisogno di assistenza umanitaria a causa dell'insicurezza alimentare, della malnutrizione e delle emergenze sanitarie. In alcune delle aree più densamente popolate, in particolare tra i rifugiati, la malattia è diventata diffusa e aggravata dallo sviluppo rallentato del paese e quasi un milione di persone, compresi bambini e donne in gravidanza, sono vulnerabili. La popolazione è ora esposta a malattie epidemiche come colera, epatite E, malaria, meningite e altre infezioni respiratorie e il tasso di mortalità nelle regioni colpite, ben 133 su 1.000, è il più alto al mondo per queste malattie completamente prevenibili .

Ciad, l'appello di Azione contro la Fame

Stiamo rispondendo alla crisi che attanaglia la regione del Lago Ciad. Dall'inizio della crisi, siamo riusciti a espandere significativamente i nostri programmi in tutta la regione e finora abbiamo aiutato oltre quattro milioni di persone colpite.

  • Stiamo gestendo centri di nutrizione rivolti ai bambini sotto i cinque anni e alle donne in gravidanza, quindi i bambini come Fatime possono ricevere le cure di cui hanno urgentemente bisogno per sopravvivere.
  • Abbiamo fornito integratori alimentari e nutrizionali di emergenza a persone a rischio di malnutrizione potenzialmente letale.
  • Abbiamo anche lavorato per soddisfare le esigenze di base degli sfollati e dei rifugiati, con particolare attenzione all'acqua, ai servizi igienico-sanitari e all'igiene.
  • E abbiamo fatto una campagna per ridurre la mortalità materna e infantile e abbiamo offerto supporto tecnico ad altre organizzazioni locali nell'area.

Non ci fermeremo finché non avremo soccorso tutti. Solo un'importante risposta umanitaria, unita a investimenti sostenibili, garantirà a queste famiglie di sopravvivere e prosperare nel futuro.

Quest'inverno chiediamo il vostro sostegno per aiutarci a raggiungere più bambini come la piccola Fatime in aree difficili da raggiungere, perché ogni bambino merita una possibilità.

RISPONDI A QUESTA EMERGENZA
Sostieni il nostro intervento in Ciad
Tag
"