Haiti

© L. Grosjean, ACF Haiti
Global Hunger Index: 
Grave
Popolazione 
10.7 milioni
Il nostro team 
106 Il nostro team
Beneficiari 
569 451 Beneficiari

Anni di instabilitĂ  politica e ricorrenti disastri naturali hanno lasciato Haiti nel caos, ponendo un ostacolo apparentemente insormontabile dopo l'altro nel percorso dell'isola verso lo sviluppo, con circa il 55% della popolazione haitiana che attualmente vive al di sotto della soglia di povertĂ .

Più della metà della popolazione totale di Haiti soffre di insicurezza alimentare e il 22% dei bambini è colpito da malnutrizione cronica. I fattori sottostanti a questa situazione includono la povertà estrema e frequenti disastri naturali. Nell'indice Climate Risk 2017, Haiti è al terzo posto tra i paesi più colpiti dagli eventi meteorologici estremi.

Nel gennaio del 2010, un grave terremoto colpì Haiti con conseguenze devastanti. La capitale, Port-au-Prince, e le comunità circostanti sono state pesantemente colpite: oltre 220.000 haitiani hanno perso la vita, oltre 400.000 sono stati feriti e 1,2 milioni di persone sono rimaste senza casa. In pratica, metà della città di Port-au-Prince è stata distrutta.

Con quasi trent'anni ad Haiti, i team di Azione contro la Fame erano ben posizionati per rispondere immediatamente a questa ultima catastrofe, creando punti di emergenza che servivano circa 800.000 sfollati per oltre un anno, costruendo latrine per oltre 100.000 persone a Port-au-Prince e distribuendo oltre cinque milioni di compresse per la purificazione dell'acqua per evitare la minaccia di malattie come il colera.

Poi, nell'ottobre 2016, l'uragano Matthew si è abbattuto su Haiti, la più forte tempesta che ha colpito l'isola in più di 30 anni. Forti venti a circa 140 miglia all'ora e piogge torrenziali hanno causato perdite e danni ingenti, soprattutto nelle zone costiere. Abbiamo immediatamente mobilitato la nostra squadra di pronto intervento e abbiamo inviato 20 tonnellate di forniture di emergenza dal nostro quartier generale della logistica ad Haiti per soddisfare le esigenze delle vittime di disastri. 

I nostri team di emergenza hanno risposto nel nord-ovest di Haiti (in particolare Bombardopolis) e nel Nord Artibonite: entrambe le aree sono state fortemente colpite dall'uragano e sono particolarmente a rischio di colera. Le famiglie del nord-ovest inferiore e del nord Artibonite lottano contro la povertà cronica e deboli infrastrutture per l'acqua: l'uragano ha danneggiato case, colture, strade in queste comunità già vulnerabili. Abbiamo distribuito kit di emergenza, cibo e acqua sicura agli sfollati nei rifugi di emergenza e centri di salute.

Dei 2,1 milioni di persone colpite dall'uragano Matthew, un milione ha ancora bisogno di assistenza umanitaria.

Nel 2017 abbiamo fornito ai beneficiari trasferimenti in contanti, attività "Cash for Work", buoni pasto e reti di sicurezza sociale basate su voucher. I team di Azione contro la Fame hanno supportato l'agricoltura familiare con la formazione tecnica per gli agricoltori e il supporto extra in periodi critici. Abbiamo anche creato associazioni di risparmio e prestiti per i villaggi e contribuito alle analisi regionali dei dati sulla sicurezza alimentare e nutrizionale.

Oltre a rispondere alle epidemie di colera, Azione contro la Fame ha promosso l'accesso all'acqua, all'igiene e ai servizi igienico-sanitari, ha costruito e riabilitato fonti e infrastrutture idriche e promosso buone pratiche igieniche.

La tua donazione mensile può salvare la vita!

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre aggiornato

378.191
Persone che hanno avuto accesso ad acqua potabile e servizi igienici 
137.093
Persone che hanno ricevuto supporto nutrizionale 
54.167
Persone aiutate a migliorare le proprie capacitĂ  di sostentamento
"